sfoglia la brochure

L’Eau Dorée

L’aura sublime che identifica lo Champagne come il simbolo del lusso e delle occasioni speciali, è dovuta ad una storia che sconfina tra leggenda e realtà ed affonda le proprie radici in tempi remoti.

Difatti, l’illustre vino con le bollicine è l’evoluzione del vino medievale prodotto nella Champagne del 500, talmente pregevole da essere riservato alla celebrazione dell’Eucarestia ed ai banchetti più nobili: era già Champagne ma non aveva ancora le bollicine.

Su di esso ruotano diverse leggende, come il miracolo di Saint Remy, Vescovo di Reims, che portò in dono un fiasco di Champagne benedetto a Clodoveo, re dei Franchi. Secondo la leggenda, il Vescovo garantì al Re e al suo esercito che finché avessero bevuto quel vino la vittoria non li avrebbe mai abbandonati. Così fecero: il fiasco dissetò tutti senza mai svuotarsi e i nemici caddero l’uno dopo l’altro.

Ma la leggenda che vede nascere il “vin de la joie”, lo Champagne per come oggi è noto ed apprezzato in tutto il mondo, è riferita all’azione di un monaco Benedettino. Nell’Abbazia di Hautvillers venne nominato procuratore l’Abate Dom Perignon, secondo la storia astemio. Egli ebbe l’incarico di amministrare i beni per la sussistenza dei monaci, vino incluso: sarà proprio grazie al suo impegno che lo Champagne si arricchirà delle bollicine d’oro.

 La Champagne è una regione incantata, un fazzoletto di terra che marca il confine della coltura della vite, dove il clima rigido influisce sulla produzione enologica. Alle condizioni climatiche si aggiunge l’azione sinergica della composizione chimica del territorio, capace di generare un’alchimia che rende reale qualcosa di unico al mondo e di pregio infinito.

All’interno di una ristretta superficie pari a 35 000 ettari sono coltivati tre vitigni diversi: lo Chardonnay a bacca bianca, Il Pinot Nero ed il Pinot Menunier a bacca rossa, la cui sapiente miscela dà vita alle diverse Cuvées. Le varie "Maison di Champagne" impiegano ricette proprie per originare diverse  "Cuvées", ossia miscele di vini :

 

  • Il Brut nasce dal melange di Chardonnay, Piniot Meunier e Pinot Nero. Secondo l’area di produzione riceve l'appellativo "Autres Cru", "Premier Cru" e "Grand Cru".

 

  • Il Demi-Sec e l'Extra sono prodotti utilizzando lo stesso melange del Brut, ma in declinazioni più dolci,(demi-Sec) o più secche (extra Brut).

 

  • Il Blanc de Noir, un sapiente melange di Pinot Nero e Pinot Meunier.

 

  • Il Blanc de Blanc é realizzato esclusivamente con uve bianche Chardonnay.

 

  • Il Millesime è prodotto solo con le migliori uve Chardonnay e Pinot Nero di annate speciali.

 

  • Il Rosé si ottiene aggiungendo una piccola quantità di vino rosso, solitamente Pinot Nero, alla Cuvée, oppure attraverso il metodo "Saigné" che prevede di lasciare macerare il succo chiaro di uva nera sulle bucce per un breve periodo.

 

  • Il Prestige, la cuvée speciale di ogni Maison che ne sintetizza il savoir faire in uno Champagne d'eccezione.
Terraedivinae - info@terraedivinae.com